Uno dei piatti più famosi di Langa sono i tajarin tagliati sottilissimi al coltello conditi con il ragù di carne o con i fegatini.

Dopo un’animata discussione, in cucina, è nato presso il bistrot di Villa Garassino un ragù che unisce i due concetti e che nel tempo ha avuto particolare interesse. 

Vino in abbinamento: Dolcetto, Il Palazzo

Ingredienti:

Salsiccia di vitello 1 kg

Coniglio ¼, disossato

Fegatini di pollo e coniglio 100 gr

Porto 1 bicchiere

Passata 1 bottiglia 75 cl

(è molto interessante unire 3 tipi di passata da 25 cl)

cipolla, olio, aglio, sale e pepe

Dorare la salsiccia in padella e poi trasferirla in un tegame di terracotta con la passata di pomodoro e cuocere a fuoco lentissimo per 6 ore per poi lasciar riposare 1 notte.

Arrostire il coniglio in forno a 175°C con olio, aglio, sale e pepe.

Rosolare i fegatini con la cipolla e poi sfumarla con il Porto.

Tritare finemente il coniglio arrostito con i fegatini e unire alla carne cotta nella terracotta, far riprendere il bollore mescolando con un cucchiaio di legno.

Recommended Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: